BUDRIO ACCOGLIE CON GRANDE ENTUSIASMO IL GIRO D’ITALIA DI HANDBIKE: PASSIONE E TIFO CONTAGIANO IL NUMEROSO PUBBLICO. I BIMBI DELLE SCUOLE DISEGNANO I LORO EROI

| 12 Maggio 2014 | 1 Reply

Straordinario successo di pubblico e di fans alla seconda tappa del Giro d’Italia di Handbike ospitata a Budrio, cittadina emiliana che per la prima volta ha fatto da teatro alla corsa a tappe. Giuseppe Galliano è il vincitore di tappa e della Maglia Rosa – Banca Carige (MH4). Ancora sulle spalle di D’Onofrio la Maglia Bianca-Toshiba, miglior giovane. Bebe Vio, campionessa paralimpica di scherma in carrozzina, ospite d’eccezione.

Milano, 12 maggio 2014 – Le aspettative della vigilia sono state ampiamente rispettate. Doveva essere una tappa avvincente quella di Budrio che, nel cuore delle sue strade ha ospitato domenica 11 maggio la seconda frazione del Giro d’Italia di Handbike, e lo è stata. Il numero dei partenti (oltre 80) ma, soprattutto, lo straordinario pubblico numerosissimo presente lungo tutto il circuito della corsa ha innescato un tifo senza precedenti agli handbikers, protagonisti della gara: “Giornata straordinaria!” dice Roberta Amedeo, che sul traguardo di Budrio veste ancora la Maglia Rosa per la categoria WH2.

La bellissima accoglienza delle autorità e degli enti al Giro d’Italia di Handbike ha lasciato il segno: “Una tappa veramente entusiasmante – dice Maura Macchi, Presidente della corsa – Ringrazio a nome di tutta la famiglia del Giro d’Italia di Handbike la ProLoco di Budrio, il Comune con il sindaco Giulio Pierini ed il Centro Protesi INAIL, che insieme al Gruppo Ciclistico ci hanno accolto con grande calore e passione”.

Non solo. Bebe Vio, campionessa italiana paralimpica di scherma in carrozzina, è stata l’ospite d’eccezione in questa tappa: “Bebe, nonostante la sua giovane età, ha entusiasmato tutti ed ha fatto il tifo per ogni atleta in gara. Ringrazio Bebe a nome di tutta la corsa per la passione e la grande tenacia che ha espresso” – dice Fabio Pennella, responsabile della Comunicazione.

Eppure l’entusiasmo è arrivato anche dalle scolaresche che, per accogliere la corsa, hanno realizzato dei disegni proprio sulla disciplina dell’handbikers omaggiando gli atleti  con le loro bellissime “opere d’arte”.

La corsa si è snodata ieri in un’atmosfera di festa e di sana competizione. Il vincitore di tappa è Giuseppe Galliano che in 1h04’43” ha dominato a Budrio, vestendo anche la Maglia Rosa per la categoria H4, sfilandola così a Mauro Cratassa, assente perché selezionato dal CT Valentini per la prova di Coppa del Mondo UCI in Toscana.  Cambi ai vertici della classifica generale anche nella categoria MH2 dove a vestire la Maglia Rosa ora è Omar Rizzato sfilandola ad Alex Landoni.

Si confermano in Maglia Rosa- Banca Carige gli atleti: Fabrizio Conegliani (MH2); Paolo Cecchetto (MH3) e Fabrizio Caselli (MH1). Anche tra le donne nessun ribaltone della generale: Luisa Pasini, nonostante la sua assenza di ieri, veste ancora la Maglia Rosa (WH1) che è salda anche sulle spalle di Valentina Rovoira (WH3) e Romina Modena (WH4). Non cede a nessun altro giovane in gara l’handbikers Alessandro D’Onofrio, ancora leader tra i giovani con la Maglia Bianca-Toshiba.

Ricordiamo che la tappa è organizzata grazie alla collaborazione di ProLoco di Budrio, Comune di Budrio e Centro Protesi INAIL affiancati dal Gruppo Ciclistico AVIS di Budrio.

La terza tappa del Giro d’Italia di Handbike è in programma domenica 15 giugno a Somma Lombardo.

Potete seguirci anche su www.girohandbike.it  sulle pagine Facebook/Twitter/Google+/Youtube dedicate.

BEA BUDRIO BIMBI BUDRIO cs budrio1 TOP. CS BUDRIO

Categoria: News

Commenti (1)

Trackback URL | Commenti RSS Feed

  1. angelo galliano ha detto:

    Budrio – dimostrazione che anche da piccoli si possono fare cose da Grandi. Organizzazione e partecipazione : due modi per Vincere.
    Grazie.

Lascia un Commento

You must be logged in to post a comment.