HANDBIKE, IL GIRO DIETRO LE QUINTE

| 7 Gennaio 2019 | Reply

Il Giro di Handbike sta per soffiare le prime dieci candeline. Un tempo di bilanci e di ringraziamenti.

«Approsimandoci al decimo anniversario del Giro di Handbike, che ha avuto come preludio la splendida nona edizione 2018 conclusasi a Torino a metà ottobre, – così confida Fabio Pennella, presidente GHB – sentiamo il bisogno di svelare chi sono i nostri angeli custodi, coloro che con il loro contributo rendono possibile ogni tappa: i nostri sponsor».

Accogliendo questa idea del Presidente abbiamo chiesto agli sponsor del Giro di raccontarsi brevemente e di esprimere le loro emozioni, così come è consuetudine nella grande famiglia del Giro di Handbike.

Immaginiamoci seduti a un tavolo, con l’immancabile flute di cartize Astoria, sempre pronti per un brindisi in onore dei nostri #campionidivita. «Siamo la quarta generazione – esordisce Carlotta Polegato, Brand Communications Manager di Astoria Wines, a occuparci della produzione dei nostri vini; con il Giro di Handbike abbiamo in comune i valori dello sport e del ciclismo in particolare perché interessa a un pubblico sia di giovani che di meno giovani, proprio come sono anche i nostri clienti. Soprattutto ci sentiamo ormai parte della famiglia del Giro di Handbike».

Teleflex anche nel 2019 vestirà la maglia rosa della decima edizione del Giro di Handbike. Riccardo Passatore, Marketing Manager EMEA Urology Home Care, ci racconta che Teleflex è un fornitore globale di tecnologie mediche progettate per migliorare la salute e la qualità della vita delle persone fondata nel 1943 e offre soluzioni nei settori urologia e continenza, home care, accesso vascolare e interventistico, chirurgico, anestesia, cardiologia. Teleflex è da sempre attenta ad iniziative che mettono la persona al centro. «Abbiamo subito capito che questa iniziativa (il GHB) riflette questo principio e lo realizza attraverso persone che dimostrano una tremenda passione e dedizione; il primo anno abbiamo sposato il principio della maglia Bianca mentre nella stagione successiva siamo passati alla gloriosa maglia rosa».

E’ stata StartUp Tree a prendere la staffetta della maglia bianca 2018 e si conferma sponsor anche per il 2019. Ad Antonio Di Fraia l’onore di raccontare qualcosa della società di cui è direttore generale. Fondato nel 2017, StartUp Tree è un dipartimento della Società Unilabtech Srl; nello specifico è un Incubatore ed Acceleratore di StartUp e Progetti Sociali Innovativi. Abbiamo deciso di essere sponsor del Giro Handbike perché riteniamo che ogni persona, ogni start up o progetto sociale debba avere come modello d’esempio, d’ispirazione etica e sociale, l’assetto globale del Giro Handbike: tenacia e costanza in un allenamento fisico e mentale volto al raggiungimento di un obiettivo; strutturare un evento/progetto calcolando eventuali rischi e considerando variabili, il tutto in un grande ed armonioso gioco di squadra tra tutti per tutti».

La maglia nera, anche nel Giro di Handbike, la indossa chi arriva ultimo. Ma non lo sponsor: PMP che veste il #campionedivita di nero ed è stata tra le prime società – ed è fedelissima – ad aderire al progetto del Giro Handbike proprio perché, come ci spiega il titolare Bruno Pedretti, «serve a contribuire allo sport per i diversamente abili».

La PMP produzioni meccaniche di precisione – nata il primo agosto 1979 su iniziativa personale del titolare Bruno nel garage di casa con l’acquisto di due piccole macchine utensili usate – con i suoi attuali 80 dipendenti sta attraversando un ottimo periodo. «Non è stato facile, anzi è stato duro arrivare a questo risultato, ci confida Pedretti, così come lo è per ogni #campionedivita che gareggia al Giro Handbike». E’ forse anche per questo che lo vediamo sempre insieme alla moglie Iris dietro le transenne a tifare a ogni gara?

Attorno al nostro tavolo l’atmosfera si fa speciale: gli sponsor all’unisono dicono che vedere il proprio marchio stampato sulla maglia del vincitore delle tappe del Giro di Handbike suscita enorme emozione. «Avere l’onore di poter aiutare i campioni di vita del Giro è motivo di orgoglio per noi di Teleflex» così Riccardo Passadore anche lui spesso presente alle tappe del Giro Handbike. «Anch’io mi emoziono parecchio quando vedo la maglia nera PMP, molto ambita, indossata dagli atleti, fa eco Bruno Pedretti, e poi se penso al rapporto personale con lo staff (il comitato organizzatore) molto profondo, il Giro di Handbike mi “prende” ancora di più». Non solo: «vedere il nostro marchio StartUp Tree sulla maglia bianca – dice Antonio Di Fraia – dona un grandioso spunto di riflessione che a volte non si riesce a spiegare in semplici parole: la forza dell’unione, la volontà e la voglia di vivere, abbattono ogni barriera e permettono di raggiungere qualsiasi obiettivo».

E se agli atleti sono assegnate le ambitissime maglie, il Giro Handbike pensa anche alle associazioni sportive dilettantistiche (ADS) che tesserano gli handbikers. Insieme per Vincere è il concorso lanciato da Eaton affinché le Ads si attivino a dimostrare, attraverso lo sport che non esistono limiti fisici e che si possono raggiungere obbiettivi di successo. Giorgio Iacontino, presidente del local diversity council Della Eaton Torino e Bosconero HQ – la sede della direzione generale europea del settore VG di una multinazionale nata nel 1911 in USA – ci racconta che dai primi anni 2000, il Local Diversity Council di Torino dedica una particolare attenzione all’inclusione attraverso la formazione con una particolare attenzione al mondo femminile. Nell’edizione 2018 è stata Francesca Porcellato prima classificata ad essere insignita del Trofeo “Maria Letizia Ferrario a.m.” EUSEBIO ENERGIA, uno sponsor che ha deciso di tramutare un momento familiare doloroso quale la perdita di una persona cara in un premio per l’atleta donna che si è maggiormente distinta in tutte le gare.

«Le cose migliori si ottengono solo con il massimo della passione» (Goethe), quella passione che non manca agli sponsor del Giro Handbike. E’ anche grazie alla loro generosa collaborazione che gli hanbikers anche nel 2019 sono sempre più #voialcentro.

Categoria: News

Lascia un Commento